GRUPPO RICERCHE CARSICHE


Vai ai contenuti

nodi

Le Basi

SAVOIA (nodo semplice):

Raramente lo si usa se non per accorciare l'estremità di un nodo risultata troppo lunga oppure come blocca-nodi ossia per impedire il passaggio della corda attraverso altri nodi. Risulta comunque poco affidabile poichè tende facilmente a sciogliersi.

NODO DELLE GUIDE CON FRIZIONE (otto):

Nodo molto usato in ogni circostanza; è un nodo delle guide con frizione ma eseguito con due tratte di corde parallele e consecutive anzichè una. E' utilizzato per fissare la corda ad ancoraggi, per fissare corde doppie o in ogni circostanza in cui si deve fissare la corda in un suo punto qualsiasi. Con il nome di nodo a otto è il nodo tipico di legatura all'imbrago (eseguito infilato).

INGLESE DOPPIO:

Utilizzato per la formazione di anelli di corda. Un tempo lo si usava anche per l'unione di corde nelle doppie ma ora è stato soppiantato dal nodo galleggiante. In tutti gli utilizzi che non prevedano scorrimenti sulla roccia o sul terreno è il nodo di giunzione per antonomasia; anche se sottoposto a carichi si scioglie con discretà facilità e ciò lo rende ancor più efficace; inoltre può essere utilizzato con corde o spezzoni di diametro differente. Su terreni con asperità e su roccia tuttavia si incastra con facilità e quindi risulta più adatto il nodo galleggiante: Una volta eseguito tensionare tutte le tratte di corda.

BOLINA (Gassa D'Amante)

è uno dei nodi più importanti dell'arte marinaia. Nel tree climbing viene utilizzato per legare una corda attorno ad un albero o, più genericamente, per creare un'asola. E' un nodo di facile esecuzione e che si scoglie facilmente, anche se sottoposto a grossi carichi. Se utilizzato per la sicurezza personale, è consigliabile fare un ulteriore contro-nodo sul capo libero. Nella versione scorsoia, il Bolina viene talvolta utilizzato anche negli abbattimenti.


BARCAIOLO

E' un nodo molto importante in ogni situazione; permette di mettersi in sicurezza una volta giunti in sosta e può facilmente essere convertito in mezzo barcaiolo semplicemente girando l'occhiello esterno del nodo. Si esegue prendendo una tratta di corda e facendola passare dietro all'altra tratta; si esegue poi un anello che verrà messo nel moschettone. E' opportuno saperlo eseguire anche infilato in modo da poter fissare la corda su anelli saldati . Se si esegue attorno a piante o corpi di grosse dimensioni è meglio fare anche un'asola e controasola a monte del nodo per evitare lo scorrimento della corda.


creato da Giacomo Laterza - musiche copyright Steve Change | grc@grottadeltrullo.com

Torna ai contenuti | Torna al menu